Non chiedere una consulenza di business coaching prima di aver letto questo articolo

Giulio Ardenghi

Non è sempre vero che un uomo di successo deve prendere decisioni rapide, soprattutto quando sono a rischio la sua attività, la qualità della sua vita e di quella dei suoi famigliari e collaboratori. Ecco perché è importantissimo saper scegliere il business coach che porti risultati (anche) superiori alle aspettative. Ecco perché ho deciso di darti consigli pratici, introvabili, frutto della mia lunga esperienza come…

Leggi l'articolo
CONDIVIDI

Attenzione. Pericolo di cambiamento! Il metodo che funziona, specifico per imprenditori, manager e professionisti

Giulio Ardenghi

Leggi l'articolo
CONDIVIDI

Crescita Esponenziale Per Vincere Le Aziende Squalo

Giulio Ardenghi

Pensare e agire per ottenere una crescita esponenziale e non da prefisso telefonico è l’obiettivo di imprenditori, manager e professionisti che vogliono rimanere sul mercato da protagonisti e non essere dilaniati dalle aziende squalo. Imparare a nuotare fra gli squali senza essere divorati richiede di agire come loro. Come nel nuoto ci sono diversi stili, ma le basi sono le medesime. Occorre conoscere qual è…

Leggi l'articolo
CONDIVIDI

Parola d’ordine delle aziende brillanti: rivoluzione continua (ma ben gestita)

Giulio Ardenghi

Le aziende dal futuro brillante favoriscono  la rivoluzione continua: quella tecnologica-digitale e quella di una nuova forza lavoro che mal si adatta al vecchio modo di gestire i ruoli e le vecchie regole. I lavori più a rischio sono quelli “medi” (da RAL di 35.000€) che scompariranno fra 10 anni. Una sfida imprenditoriale e manageriale che se vinta, assicura vantaggi competitivi e posizioni dominanti anche…

Leggi l'articolo
CONDIVIDI

Il diavolo in azienda: un esempio di paura del cambiamento in tempo di crisi

Giulio Ardenghi

Nelle mi attività di business coach devo portare a galla e mettere in evidenza tutte le responsabilità e conseguenze legate alla paura del cambiamento. Come specialista di business coaching efficace non devo mai essere compiacente, ma mantenere quel giusto distacco fatto di empatia e competenza, di vicinanza e realismo. Ricordando sempre che il primo obiettivo è far evolvere con soddisfazione il cliente verso l’obiettivo desiderato.

Leggi l'articolo
CONDIVIDI